Cos’è e quando mi serve una traduzione giurata?

Una traduzione giurata si diversifica dalla traduzione normale o semplice, in quanto offre delle garanzie sulla veridicità del suo contenuto. Allo stesso modo in cui un documento notarile va avallato attraverso firma e timbro di un notaio, la traduzione giurata è accompagnata da una breve dichiarazione giurata del traduttore, oltre al suo timbro e firma ufficiali. In questo modo, le amministrazioni hanno la garanzia che non siano avvenute aggiunte o eliminazioni di informazioni durante il processo di traduzione, sia in modo doloso, che volontario.

 

Non tutti i traduttori sono anche giurati, quindi dovremo contattare un professionista che abbia la denominazione ufficiale di Traduttore/Interprete Giurato, o contattare un’agenzia che possa offrirci questo servizio.

 

Come facciamo a sapere se abbiamo bisogno di una traduzione giurata o di una semplice?

 

In generale, è solito fare traduzioni giurate per tutti quei documenti che devono essere presentati davanti a enti ufficiali, che li esigono così. Tuttavia, ci sono casi in cui non è strettamente necessario. Normalmente sarà l’ente che riceve la traduzione a decidere se deve essere giurata o meno. Inoltre, è importante sapere se il documento deve avere L’Apostille dell’Aia prima di procedere con la traduzione, come viene spiegato qui.

 

Una nostra raccomandazione

 

Se abbiamo dei dubbi, non è mai sbagliato disporre di una traduzione giurata, per essere più al sicuro. Tuttavia è più cara della traduzione semplice, per questo è preferibile domandare all’ente che la riceve, prima di richiedere il nostro preventivo.